Contenuto pagina
Turismo.pesarourbino.it
Provincia di Pesaro e Urbino
Sito in fase di aggiornamento a seguito del riordino delle Province (L. 56/14 e L.R. Marche 13/15)

Chiesa della Santissima Annunziata

Sede della più antica confraternita della città - dedita alla sepoltura dei poveri e all'ospitalità di pellegrini e bisognosi -, la chiesa della Santissima Annunziata si riteneva per tradizione sorta sull'area della casa della Beata Michelina Metelli, coprotettrice di Pesaro e fondatrice della confraternita assieme al Beato Cecco nel 1343 ca.

Nel 1779 fu ceduta alla famiglia Mosca insieme al palazzo contiguo, per tornare poi, con l'estinzione dei suoi discendenti, al Capitolo della Cattedrale.

L'elegante costruzione settecentesca è caratterizzata da un portale con grandi gigli e da una decorazione interna al tempo stesso sobria e raffinata, scandita dall'alternarsi di colori dalle preziose sfumature verde chiaro e violette.

L'abside è ornata da una "Annunciazione" dello stuccatore bolognese Giuseppe Mazza (1653-1741), che sostituiva il dipinto dello stesso soggetto oggi conservato alla Pinacoteca Vaticana e attribuito al pittore forlivese Marco Palmezzano (1459-1539); in un primo tempo l'opera del Palmezzano fu spostata nella sagrestìa, come attestano le fonti, probabilmente fino al 1783, anno di edizione del "Catalogo delle Pitture che si conservano nelle chiese di Pesaro" di A. Becci.

Nello stesso periodo, si trovava ancora in loco, sul primo altare a destra, anche un'altra importante opera - la cosiddetta pala per la "Madonna del Popolo" (oggi a Pesaro nei depositi della Cattedrale) - dove la Beata Michelina con San Luca e angeli, del pesarese Gian Giacomo Pandolfi (1567-1636), incorniciavano l'immagine affrescata della"Madonna del Popolo", copia in controparte di una delle icone eseguite secondo la tradizione evangelica da San Luca; la copia ornò la facciata della chiesa dal 1360 ca. fino al 1520, quando il vescovo Paride de' Grassi decise lo spostamento all'interno per salvaguardare l'immagine veneratissima.

Nel 1921 venne sostituita da una "Madonna del Rosario e Santi" di Fernando Mariotti (Pesaro 1891-1969), anch'essa attualmente nei depositi della Diocesi, come la tela che si trovava sull'altare sinistro: "Gesù in croce e due santi"  di Giovanni Peruzzini (1629-1694).

Il monumento funerario posto a destra dell'ingresso è dedicato a una donna della famiglia Mosca, mentre quello di fronte - che proviene dalla demolita chiesa di San Rocco - fu realizzato in onore di una giovane della famiglia Belluzzi.



Indirizzo

Chiesa della Santissima Annunziata via F.lli Benelli 61121 Pesaro Tel. 0721/31304
Copyright © 2018 Provincia di Pesaro e Urbino - Gestito con Docweb [id] - Privacy Policy