Contenuto pagina
Turismo.pesarourbino.it
Provincia di Pesaro e Urbino
Sito in fase di aggiornamento a seguito del riordino delle Province (L. 56/14 e L.R. Marche 13/15)

Museo archeologico e della Via Flaminia "G.C. Corsi"

Cenni storici

Il museo è allestito all'interno delle duecentesche sale dell'ex Convento agostiniano nel centro storico di Cantiano, si sviluppa in due raccolte differenti:

  • il Museo Geoterritoriale
  • il Museo Archeologico e della Via Flaminia "Giulio Cesare Corsi"

Museo Geoterritoriale

Il museo illustra il legame tra l'analisi stratigrafica dell'area umbro-marchigiana e le forme di antropizzazione che si sono succedute nei secoli.

Il visitatore potrà apprendere l'uso che l'uomo ha fatto delle rocce, come queste abbiano contribuito al modellamento del paesaggio e quanto abbiano influito sulle attività di insediamento e di sviluppo delle comunità nel territorio di Cantiano.

Le pietre selcifere diventano gli utensili primitivi del Paleolitico.

La pietra corniolalavorata in potenti blocchi dagli architetti romani regge ancora oggi i ponti dell'antica via Flaminia ed in tempi più recenti diventa la materia prima della fabbrica cantianese di mole per mulini ad acqua.

L' arenaria delinea ed orna i portali di chiese e di palazzi signorili.

Una parte del museo è dedicata all'esposizione di alcuni calchi di esemplari di ammoniti, provenienti in gran parte dalla collezione del geologo Tobia Morena, al quale è dedicata la sezione del museo.

Il pezzo forte del museo è "Ugo", un esemplare di dinosauro ricostruito grazie al ritrovamento ed allo studio delle impronte fossili rinvenute casualmente in uno strato di roccia alle pendici del Monte Catria. Un rettile, Accoriichnus Natans, vissuto probabilmente in età Medioliassica.

Museo Archeologico e della Via Flaminia Giulio Cesare Corsi

Il museo è strettamente legato alla Via Flaminia.

I materiali conservati provengono dal territorio ed erano parte di collezioni di cultori e appassionati locali.

Il nucleo più consistente appartiene alla collezione di Giulio Cesare Corsi, cittadino di Cantiano, ora scomparso, a cui è dedicato il museo.

  • la sezione Preistorica, una collezione di manufatti in selce, legati alla caccia. Gli oggetti esposti sono in gran parte manufatti di piccole dimensioni perchè frutto di raccolte di superficie.
  • La sezione Preromana è limitata a sporadici ritrovamenti che qualificano la zona di Cantiano quale area di confine tra: la cultura umbra e picena. Di particolare interesse il bronzetto di un guerriero con elmo tipo Negau, una statuetta votiva, databile intorno al 480 a.C.
  • I reperti della sezione Romana sono in prevalenza utensili domestici, elementi di rivestimento o da costruzione molto frammentari, provenienti dagli insediamenti sparsi, soprattutto piccole fattorie.
    Gli insediamenti nel territorio di Cantiano sono legati alla "Lex Flaminia de Agro Gallico et Piceno Viritim Dividundoe" e all'apertura della strada consolare Flaminia nel 220 a.C.
    Di particolare interesse è il cippo miliario in granito nero rinvenuto alla fine del XIX sec lungo la strada consolare Flaminia, anche se non si hanno notizie certe circa l'originaria collocazione. La sua funzione era quella di indicare la distanza, in miglia, da Roma, come si deduce dal testo graffito.
    Sul cippo è riportata la dedica ai due Cesari, Valerio Severo e Massimino Daia, i quali rivestirono tale carica tra il 305 ed il 306 d.C.

  • La sezione Medioevale, raccoglie oggetti di piccole dimensioni, in gran parte legati alla guerra, come punte di freccia, punte di lancia, monete, ma anche elementi architettonici legati alla presenza religiosa.
    La raccolta testimonia le vicissitudini del territorio di Cantiano nel periodo Medioevale documentando:

  • i legami di Cantiano alla rete d'insediamenti castrensi tra il V e il VII secolo, eretti dai Bizantini a difesa dell'Esarcato dalle incursioni longobarde, di cui facevano parte anche Fossombrone, Petra Pertusa (il Furlo) e Luceolism, da le cui rovine nacque Castrum Cantiani.
  • la cristianizzazione, i primi nuclei religiosi sono documentati intorno al VII secolo. Da questo momento in poi sorsero diverse istituzioni religiose che si sostituirono alle tradizionali forme laiche di amministrazione del territorio.
  • il periodo feudale che tra il XIII e XV secolo vide succedersi le famiglie dei Bonaccorsi, Gabrielli e Montefeltro nella contesa del territorio

Indirizzo

Museo Archeologico e della Via Flaminia "G.C. Corsi"www.museo-cantiano.it Via IV Novembre, 1
c/o Ex Convento Chiesa di Sant'Agostino
61044 Cantiano
Tel. 0721/788493 Mob. 328.4491549

Orario di apertura

Il museo apre su prenotazione

Agosto: aperto tutti i giorni tranne il lunedì dalle 16 alle 19h.

Periodo invernale: sabato dalle 15.00 alle 18.00h.
Disponibilità guida

Ingresso

Gratuito

Altri contatti

Telefono

0721.788484

0721.1830438

0721 789934/36 (Municipio)

Mail: ufficioturismo@comune.cantiano.pu.it
museocantiano@comune.cantiano.pu.it

Sito web: www.cantianoturismo.it

Bibliografia

  • A. Bianchini, L. Gorgolini, D.Pela, D.Sacco, Panorami di Cultura nella Provincia di Pesaro e Urbino, Silvana Editoriale, Cinisello Balsamo (MI), 2004
  • AA.VV. I Musei delle Marche. Guide Skira, a cura di M.Paraventi, Skira Editore, Milano, 2008
  • Comune di Cantiano, Museo di Cantiano, [In rete] http://www.museo-cantiano.it/ita/index.htm (18 maggio 2015)
Copyright © 2021 Provincia di Pesaro e Urbino - Gestito con Docweb [id] - Privacy Policy