Contenuto pagina
Turismo.pesarourbino.it
Provincia di Pesaro e Urbino
Sito in fase di aggiornamento a seguito del riordino delle Province (L. 56/14 e L.R. Marche 13/15)

Villa Imperiale

Villa Imperiale
Villa Imperiale
Villa Imperiale, facciata esterna
Villa Imperiale, facciata esterna
Villa Imperiale, esterni, particolare
Villa Imperiale, esterni, particolare
Villa Imperiale, Sala delle Cariatidi
Villa Imperiale, Sala delle Cariatidi

Visite guidate 2011
La Villa Imperiale sarà aperta per visite guidate tutti i mercoledì dal 1 giugno al 28 settembre 2011. Partenza ore 16.00 da piazzale della Libertà, Pesaro -  Prenotazione obbligatoria, € 10.
Informazioni e prenotazioni Centro IAT tel. 0721/69341 e-mail: iat.pesaro@provincia.ps.it

Notizie Storiche
Fu costruita a partire dal 1530 c., su incarico di Francesco Maria I Della Rovere ed Eleonora Gonzaga, da Girolamo Genga per assolvere le esigenze più tipiche del vivere in villa delle corti rinascimentali. La nuova fabbrica viene ad affiancarsi alla preesistente villa sforzesca che in questo medesimo periodo verrà restaurata dallo stesso Genga ed adibita prevalentemente a funzioni domestiche.

Descrizione e storia dell'edificio
L'edificio si configura in realtà come sovrapposizione di due momenti storici e di due realtà architettoniche: al corpo quattrocentesco voluto da Alessandro Sforza e rispondente ai canoni di un'architettura di fortificazione, se ne è sovrapposto un secondo commissionato nel 1530 dai Della Rovere a Girolamo Genga, che cura - oltre al progetto architettonico - anche l'ideazione e il coordinamento della decorazione interna. La villa roveresca - su 4 livelli di cui i due superiori occupati da giardini e quelli inferiori dalla zona abitativa - è concepita come un organismo chiuso da mura di cinta e viene collegata all'Imperiale vecchia con un corridoio pensile che conduce al secondo giardino.La facciata è scandita da cinque archi con volte a lacunari. Fra il 1529 e il 1532 furono modificate otto stanze, che secondo il progetto di Genga vennero illusionisticamente trasformate. La villa è corredata inoltre da un giardino di gusto prettamente rinascimentale.
 
Patrimonio
Alla base dell'impostazione genghiana esiste il preciso intento di realizzare un saldo rapporto di corrispondenze fra struttura architettonica e paesaggio naturalistico, che spesso viene cercato anche nelle decorazioni pittoriche delle otto sale della villa vecchia: del Giuramento, delle Cariatidi, dei Semibusti, studiolo, degli Amorini, delle Fatiche di Ercole, dei Fiumi, della Calunnia. Al lavoro partecipano artisti come i fratelli Dossi, Francesco Menzocchi, Raffaellino del Colle, il Bronzino, Camillo Mantovano. Con il passaggio della villa al papato, l'edificio ha subìto vistose trasformazioni, fra cui la creazione di celle, mense, camere, dispense e oratori; la scomparsa di stucchi, affreschi e decori; la costruzione di un nuovo piano a livello delle terrazze; la trasformazione di una delle otto sale affrescate in luogo atto alla coltivazione di bachi da seta. Queste trasformazioni furono eliminate nel corso degli interventi di ripristino fatti eseguire fra la seconda metà del XIX e i primi anni del secolo successivo ad opera della famiglia Albani: lavori documentati da un'iscrizione nella trabeazione del prospetto principale posta nel 1903 accanto a quella composta dal Bembo per Eleonora Gonzaga.

Stato attuale
Attualmente in perfette condizioni di agibilità, la villa è residenza estiva della famiglia Castelbarco Albani. Per volere della stessa famiglia fu sottoposta a lavori di ripristino eseguiti per ricondurla al suo originario splendore. Ulteriori restauri si sono resi necessari dopo la seconda guerra mondiale, in seguito a danni riportati tanto dalla parte sforzesca quanto da quella roveresca dell'edificio; si segnalano anche i restauri apportati agli affreschi rinascimentali ad opera del Gabinetto di Restauro di Firenze.

Indirizzo

Villa Imperiale Colle San Bartolo Pesaro Tel. 0721.69341 (IAT Pesaro) Fax 0721.30462 (IAT Pesaro)
Copyright © 2019 Provincia di Pesaro e Urbino - Gestito con Docweb [id] - Privacy Policy